Fondazione Italia Giappone


Umberto Vattani

Presidente

Umberto Donati

Direttore

Umberto Agnelli

Fondatore

John Elkann

Presidente 2004-2007

Nukui Kunihiko

Special Advisor in Giappone

La Fondazione Italia Giappone, organismo pubblico - privato senza scopo di lucro, è stata costituita nel 1999 su iniziativa del Ministero degli Affari Esteri, attraverso la firma di un Memorandum d'intesa tra il Governo Italiano e quello giapponese firmato dall'Ambasciatore Umberto Vattani, allora Segretario Generale del Ministero e l'Ambasciatore del Giappone Hiromoto Seki.
La presidenza era stata affidata al Dottor Umberto Agnelli, dopo la sua scomparsa all’Ingegner John Elkann e dal marzo 2007 all’Ambasciatore Umberto Vattani.
Lo scopo della Fondazione è di sviluppare e approfondire le relazioni tra Italia e Giappone e di promuovere l’immagine dell’Italia in Giappone e del Giappone in Italia, tramite iniziative in campo culturale, scientifico ed economico.
Fanno parte della Fondazione, oltre al Ministero degli Affari Esteri, i Ministeri dei Beni Culturali e dello Sviluppo Economico e numerose Aziende Private di entrambi i Paesi.
La Fondazione è Socio Fondatore dell’ Italy Japan Business Group, organismo che dal 1989 riunisce le comunità imprenditoriali italiana e giapponese, sotto il patrocinio dei rispettivi Ministeri, per promuovere una maggiore cooperazione industriale tra i due Paesi.
Grazie alla formula che unisce il mondo pubblico e quello privato, la Fondazione rappresenta in modo armonico e snello l’intero Sistema Italia e si interfaccia con la controparte giapponese attraverso una rete di ottime relazioni con le Istituzioni italiane presenti in Giappone nonché con le Istituzioni pubbliche, le Aziende private ed i Grandi Gruppi editoriali del Giappone.
La Fondazione ha proseguito sin dalla sua istituzione l’attività del Comitato – il cui Segretario Generale era il Dottor Umberto Donati, oggi Direttore della Fondazione - che, nel 1995 aveva coordinato la Rassegna Giappone in Italia 95/96 un'ampia gamma di progetti culturali che si sono svolti nelle maggiori città italiane.
Nel 1998, in seguito al successo della Rassegna, il Governo Italiano e quello Giapponese hanno firmato un Memorandum d’intesa per la realizzazione della Rassegna Italia in Giappone 2001–2002, per coordinare la quale è stata appunto istituita la Fondazione Italia Giappone.
Italia in Giappone 2001–2002 è stata la prima e la più grande iniziativa di promozione dell’Italia all’estero: oltre 800 eventi per presentare dal marzo 2001 all’estate 2002 in oltre 100 città giapponesi l’arte, la tecnologia, i prodotti, la cultura e la creatività del nostro Paese.
Dopo la chiusura della Rassegna, la Fondazione su indicazione del Governo Italiano, ha proseguito nell’attività di promozione dell’immagine e di consolidamento della presenza dell’Italia in Giappone affiancando le Istituzioni Italiane in Giappone e nel 2004 ha ricevuto l’incarico di collaborare all’organizzazione della partecipazione italiana all’Expo 2005 di Aichi, presso Nagoya, dove il Padiglione Italiano è stato il più visitato di quelli stranieri con oltre 3.500.000 visitatori.
Attualmente la Fondazione, oltre alla consueta attività volta ad affiancare le Istituzioni Italiane in Giappone nell’organizzazione di eventi relativi alla nostra cultura, si dedica all’organizzazione di eventi per far meglio conoscere la cultura giapponese in Italia ed al supporto ad Aziende, Enti e Istituzioni Italiani e Giapponesi nello sviluppo dei rapporti reciproci.

FONDAZIONE ITALIA GIAPPONE
C/O Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, DGMO - Piazzale della Farnesina, 1 - 00135 Roma
Tel. +39 06 3691 5232 - +39 06 3691 4182 e-mail: fondazione@italiagiappone.it - C.F.: 97162600585

© 2018 Fondazione Italia Giappone Tutti i diritti sono riservati